Lavorare dopo aver studiato lingue: 8 sbocchi professionali

Lavorare dopo aver studiato lingue: 8 sbocchi professionali

Si dice che chi sa parlare abbia il mondo in mano. Figuriamoci chi sa parlare più di una lingua! È innegabile che il poter comunicare con un pubblico – il più ampio possibile – apra tantissime possibilità, ed è infatti anche per questo che tante persone scelgono di intraprendere un corso di studi in lingue. Nello
Tempo di lettura: 3 minuti
Pubblicato il Giugno 9, 2022 - di Teacher

Si dice che chi sa parlare abbia il mondo in mano. Figuriamoci chi sa parlare più di una lingua!

È innegabile che il poter comunicare con un pubblico – il più ampio possibile – apra tantissime possibilità, ed è infatti anche per questo che tante persone scelgono di intraprendere un corso di studi in lingue. Nello specifico è proprio l’inglese, la “lingua internazionale”, quella che resta sul podio delle più studiate. La sola conoscenza dell’inglese è sufficiente per aprire le porte alla comunicazione con la quasi totalità dei paesi mondiali, proprio in virtù del suo essere così studiata e diffusa.

Se vuoi scoprire quali sono, per chi ha studiato mediazione e lingue, gli sbocchi professionali principali, continua a leggere l’articolo!

Studi in lingue: gli sbocchi professionali principali

Prima, però, una doverosa postilla: il solo conoscere una lingua non è purtroppo condizione sufficiente per accedere a tutte le carriere che a breve elencheremo. A seconda del percorso di studi scelto e dei propri interessi si sarà sicuramente già più proiettati verso una posizione piuttosto che un’altra, ma per svolgere determinate mansioni è bene che si accompagnino gli studi linguistici ad altre conoscenze ”parallele”.

Alcune di esse si possono imparare solo sul campo – quindi lavorando – mentre altre dovrebbero già essere in possesso del candidato in fase di colloquio. Tenendo questo a mente, puoi proseguire nella lettura!

  1. Sbocchi professionali lingue: la guida turistica
    Per poter accompagnare i turisti di tutto il mondo alla scoperta delle bellezze italiane, il vostro percorso di studi dovrà necessariamente continuare dopo la laurea. Almeno in Italia, infatti, è richiesto che la guida possieda un patentino, per ottenere il quale dovrà sostenere un esame di Stato.
  2. Sbocchi professionali lingue: insegnante
    La laurea in “lingue e letterature straniere” è nata proprio per questo! Costituisce già di per sé un buon titolo per posizionarsi nelle graduatorie dei concorsi statali per l’insegnamento nel settore pubblico. Chi punta al privato dovrà invece prendere la certificazione CELTA, rilasciata dal Cambridge Institute. Chi ne è in possesso sarà riconosciuto come insegnante di inglese certificato in tutto il mondo.
  3. Mediatore linguisticoInterprete – Traduttore
    Ci sono diverse facoltà che preparano proprio a questo mestiere. Croce e delizia del quale è, comunque, il doversi tenere sempre aggiornati sull’attualità (se si lavora per le istituzioni) o sulle peculiarità del mercato e specifici prodotti (se si lavora nel settore privato). Insomma, il percorso di studi di un interprete/traduttore non finisce mai, in realtà.
  4. Sbocchi professionali lingue: responsabile import/export
    Conoscere le norme e le leggi doganali è importantissimo per chi vuole svolgere questa mansione. In alcune facoltà per interpreti e traduttori si dà agli studenti un’infarinatura su quest’ambito, ma il grosso lo si impara davvero solo sul campo. Anche perché le norme sono in continuo aggiornamento, rendendo necessario essere già del settore per potervi stare al passo. Fortunatamente, molte aziende offrono corsi di formazione che includono anche questo tema!
  5. Sbocchi professionali lingue: linguista computazionale
    Imprescindibile per svolgere questa mansione è una grande dimestichezza con i mezzi informatici. Conoscere le lingue è fondamentale per un linguista computazionale, ma lo è altrettanto conoscere la tecnologia necessaria per creare i software richiesti.
    Uno specifico master in linguistica computazionale sarà sicuramente una scelta obbligata dopo la laurea in lingue!
  6. HR Specialist / Segretari in aziende multinazionali
    Quando si lavora in contesti multinazionali e spesso multietnici, sapere la lingua ci aiuta non solo con i clienti esterni, ma persino con i nostri colleghi, che potrebbero lavorare al nostro stesso progetto dall’altra parte del mondo. Se le specifiche del lavoro ci verranno insegnate “strada facendo” una volta assunti, conoscere già la lingua è richiesto per poter essere considerati per la posizione.
  7. Sbocchi professionali lingue: Social Media Manager
    Lavorando nel social media marketing, questa figura ha la responsabilità di attirare il maggior numero di click e visualizzazioni. Va da sé che più lingue conoscerà, maggiore sarà il bacino d’utenza che potrà raggiungere.
  8. Sbocchi professionali lingue: consulente finanziario da remoto
    Nel settore Banking, Finance & Insurance, le aziende si avvalgono spesso di consulenti specializzati che possano rispondere a clienti che le contattano da più parti del mondo. Se non si conosce almeno l’inglese questo sarà impossibile, anche se altrettanto importante è avere solide basi in materia finance. Potremmo considerare questo sbocco come “opposto” a quelli menzionati sinora: è più facile, infatti, ottenere una laurea in economia mentre si coltiva la passione per una lingua straniera (magari con un corso di inglese) che non il contrario!

Erika A. – Teacher

Ti è piaciuto I’articolo?

Non perderti più nulla da My English School. Tutte le ultime news - consigli - promozioni esclusive per te.


RIMANI AGGIORNATO CON LA NOSTRA NEWSLETTER