Scrivere una mail in inglese ad un’azienda: il follow-up dopo un colloquio!

Scrivere una mail in inglese ad un’azienda: il follow-up dopo un colloquio!

Hai inviato la lettera di presentazione, finito il colloquio in inglese per il lavoro che tanto desideri e sei in attesa di scoprire se l’hai superato? Beh, per adesso puoi rilassarti… ma non troppo! Se, trascorse alcune settimane, non hai ricevuto ancora risposta non scoraggiarti. Certo, potresti sentir nascere in te la sensazione di arrendevolezza
Tempo di lettura: 4 minuti
Pubblicato il Maggio 22, 2020 - di Martina

Hai inviato la lettera di presentazione, finito il colloquio in inglese per il lavoro che tanto desideri e sei in attesa di scoprire se l’hai superato? Beh, per adesso puoi rilassarti… ma non troppo! Se, trascorse alcune settimane, non hai ricevuto ancora risposta non scoraggiarti. Certo, potresti sentir nascere in te la sensazione di arrendevolezza e pensare che la decisione migliore sia quella di accettare la sconfitta ma non sempre è così! Prima di darti per vinto assicurati, infatti, di aver fatto tutto ciò che potevi fare, come per esempio scrivere una email di follow up dopo il colloquio. Il colloquio di lavoro è solo l’inizio del rapporto lavoratore-azienda ed è per questo che è importante fin da subito farsi vedere ben motivati e interessati al posto! Non aver timore di sembrare inopportuno: se vuoi che il tuo futuro boss ti prenda in considerazione, inizia a scrivere una mail in inglese all’azienda.

Scrivere una email di follow up dopo un colloquio di lavoro: i consigli per risultare professionale e interessato.

1. Scrivi una nota di ringraziamento

Dopo il colloquio di lavoro, il primo follow-up dovrebbe essere una nota di ringraziamento. Può sembrare un consiglio banale o un’idea antiquata, ma ti assicuro che un’e-mail puntuale è assolutamente un ottimo modo per farsi notare. Ricordati di inviare sempre una nota a ogni persona con cui hai fatto il colloquio entro e non oltre 24 ore dal colloquio stesso e tieni a mente questi preziosi consigli:

  • sii breve, amichevole e usa un tono colloquiale ma allo stesso tempo rispettoso: hai già fatto il colloquio di lavoro, quindi manifesta pure la tua gratitudine e personalità;
  • riconferma il tuo interesse per il lavoro ed eventuali dettagli rilevanti che potrebbero incidere positivamente sulla tua assunzione;
  • ringrazia il potenziale datore di lavoro per la sua disponibilità, poiché i colloqui aziendali possono richiedergli molto tempo, spesso costringendolo a rimandare i propri impegni;
  • usa la nota di ringraziamento come opportunità per aggiungere qualsiasi informazione significativa che potresti aver dimenticato di dare durante il colloquio;
  • Infine, ricorda all’azienda perché credi di meritarti il posto di lavoro.

Ecco un esempio di nota di ringraziamento in inglese:

Hi [Interviewer Name],

Thank you so much for meeting with me today. After learning more about the position, I’m very excited for the opportunity to join your team and help [create world-class marketing campaigns, inspire prospective clients, increase revenue, etc.] for [Company Name].
I know my years of experience of working on [web development, copywriting, sales, etc.] would greatly benefit your company.

Please keep me posted on the status of the hiring process. I look forward to speaking with you soon.
Warm regards,
[Your Name]

Se sei davvero ambizioso e ti senti a tuo agio, potresti anche cercare di impressionare il datore di lavoro includendo nella email di follow up dopo il colloquio, un’idea che potrebbe aggiungere valore all’azienda.
Ad esempio, un suggerimento simile a questo: “Our discussion about [A, B, and C] gave me an idea. Has your team considered trying [X, Y, and Z]? I found it to be an effective process in my last job.

2. Check-In!

L’invio di un biglietto di ringraziamento dopo un colloquio risulta piuttosto semplice ma mettersi di nuovo in contatto dopo qualche settimana di silenzio può essere invece più difficile. Potresti, infatti, temere che il check-in ti faccia sembrare invadente, stressante o peggio, disperato. Ma non preoccuparti! Questo follow-up fa parte  del regolare e professionale processo di assunzione. Se seguirai i miei consigli con attenzione, risulterai sicuramente diligente e interessato.
In particolare, quando si effettua il follow-up:

  • non saltare a conclusioni affrettate e non disperarti perché credi di non aver ottenuto il lavoro. A volte il processo di assunzione può richiedere un po’ di tempo, soprattutto se i responsabili delle decisioni hanno molti impegni;
  • aspetta che passino i tempi e le scadenze stabilite. Se hai concluso il colloquio di lavoro chiedendoti quali sono le fasi successive del processo di assunzione e quando dovresti aspettarti un riscontro, attieniti a tale tempistica. Se quella data è passata, sentiti libero di inviare una nota di verifica via e-mail al datore di lavoro.

Ecco un esempio in inglese di check-in post-intervista:
Hi Jane, I hope all’s well! You mentioned that you would be finalizing your decision for the IT position by this week. I’m eager to hear when you have an update. Please let me know if there’s anything I can provide to assist you in your decision-making process.”

3. Rimani in contatto

Anche se non otterrai il lavoro, potrebbe essere utile mantenere il contatto del datore di lavoro per cui hai fatto il colloquio. Anziché considerare la mancata assunzione un fallimento, considerala un’opportunità per instaurare un legame con un nuovo prezioso collega e contatto. Costruisci un rapporto ad esempio inviandogli periodicamente articoli o informazioni che potrebbero essere rilevanti per il suo business, congratulati per i recenti risultati ottenuti e ringrazia per le risposte che riceverai.
Fai una ricerca e, se necessario, aggiungi su LinkedIn il reclutatore o i dipendenti con cui hai parlato.
Inoltre, assicurati di seguire e aggiornare i tuoi interessi su questa piattaforma e di seguire la pagina aziendale dell’azienda che ti interessa.
Ricorda, però, anche di non esagerare: la chiave è rimanere professionali, proattivi e utili, non invadenti o ansiosi.

Ancora dubbi su come scrivere una mail in inglese ad un’azienda?

Per scrivere una mail di follow up dopo un colloquio, così come per affrontare il colloquio stesso, talvolta può essere utile frequentare un buon corso di inglese professionale che ti aiuterà ad acquisire maggiore fluidità linguistica e a migliorare il tuo modo di scrivere in inglese. Vedrai che con la padronanza della lingua e alcuni utili suggerimenti, farai sicuramente a fare bella figura agli occhi dei reclutatori indipendentemente dalla tua eventuale assunzione!

Ti è piaciuto I’articolo?

Non perderti più nulla da My English School. Tutte le ultime news - consigli - promozioni esclusive per te.


RIMANI AGGIORNATO CON LA NOSTRA NEWSLETTER