Come scopriremo se c’è vita sugli altri pianeti?

Come scopriremo se c’è vita sugli altri pianeti?

Chissà: potrebbe essere il 2017 l’anno in cui scopriremo che c’è vita sugli altri pianeti! Io lo spero tanto… e ho desiderio di sapere se non siamo soli nell’universo fin dai tempi in cui, bambina, guardavo affascinata E.T. L’astronoma Aomawa Shieldsper esempio, l’acqua è un ottimo indizio della presenza di vita su un pianeta! E
Tempo di lettura: 2 minuti
Pubblicato il Gennaio 13, 2017 - di alessia

Chissà: potrebbe essere il 2017 l’anno in cui scopriremo che c’è vita sugli altri pianeti! Io lo spero tanto… e ho desiderio di sapere se non siamo soli nell’universo fin dai tempi in cui, bambina, guardavo affascinata E.T.

L’astronoma Aomawa Shieldsè una studiosa che cerca “indizi” sulla possibile vita aliena e lo fa esaminando l’atmosfera dei pianeti extrasolari:per esempio, l’acqua è un ottimo indizio della presenza di vita su un pianeta!

E poi nel video sono presenti numerosi vocaboli legati alle stelle, all’astronomia e all’universo: planet, astronomy, exploration, orbit, atmosphere etc. Sono vocaboli davvero molto utili e, se ami le scienze, sono super interessanti!

Ma come scopriremo se c’è vita sugli altri pianeti? Prima di tutto inseguendo le contraddizioni.

Infatti ci sono pianeti che crediamo meravigliosi e che, invece, sono del tutto inospitali e inadatti allo sviluppo di forme di vita: per esempio Venere, il pianeta che prende il nome dalla dea dell’amore e della bellezza, ha una temperatura superficiale di circa 500°C, abbastanza per sciogliere il piombo!

Al contempo ci sono pianeti ben più lontani dalla Terra e che all’apparenza sembrano inospitali ma che, invece, presentano un clima ideale allo sviluppo di forme di vita.

Ecco perché, per scoprire se c’è vita aliena nell’universo, sono necessarie le contraddizioni… contraddizioni che Aomawa Shields cerca di sfruttare a suo favore anche nelle attività di tutti i giorni. Infatti, quando non esplora i cieli, la studiosa (che è anche attrice)cerca di insegnare astronomia alle ragazze di colore usando espedienti “artistici”: teatro, scrittura e arte visiva.

C’è un’altra contraddizione: scienza e arte non vanno spesso insieme. Ma intrecciarle può aiutare queste ragazze a dedicarsi anima e corpo a ciò che studiano e magari un giorno a far parte della schiera di astronomi che sono pieni di contraddizioni e usare il loro background per scoprire una volta per tutte che, davvero, non siamo soli nell’universo

Ti è piaciuto I’articolo?

Non perderti più nulla da My English School. Tutte le ultime news - consigli - promozioni esclusive per te.


RIMANI AGGIORNATO CON LA NOSTRA NEWSLETTER