Cos’è il Nightswapping e perché si viaggia gratis?

Cos’è il Nightswapping e perché si viaggia gratis?

Viaggiare spendendo il meno possibile è il sogno di tutti. Ecco perché negli ultimi anni sono spuntate come funghi piattaforme di ogni tipo che consentono di risparmiare parecchio sugli spostamenti, sul pernottamento e sul viaggio in generale. Il couchsurfing (cioè lo scambio gratuito di ospitalità) e Airbnb sono solo due delle novità nel campo delle vacanze gratis o low
Tempo di lettura: 3 minuti
Pubblicato il Settembre 12, 2016 - di alessia

Viaggiare spendendo il meno possibile è il sogno di tutti. Ecco perché negli ultimi anni sono spuntate come funghi piattaforme di ogni tipo che consentono di risparmiare parecchio sugli spostamenti, sul pernottamento e sul viaggio in generale. Il couchsurfing (cioè lo scambio gratuito di ospitalità) e Airbnb sono solo due delle novità nel campo delle vacanze gratis o low cost; c’è anche il buon vecchio ostello e il bed&breakfast; ci sono i convitti, i dormitori delle associazioni e poi c’è anche il nightswapping, l’ultima grande novità in fatto di pernottamenti a basso costo.

Cos’è il Nightswapping e perché si viaggia gratis?

In praticasi tratta di uno scambio di ospitalitàma è qualcosa di diverso dal couchsurfing. Nightswapping, infatti, è in prima battuta un sito web sul quale ognuno (sia interessato a offrire ospitalità sia interessato a richiederla) deve registrarsi; fra i viaggiatori non c’è alcuno scambio di denaro: ogni volta che un host ospita qualcuno, guadagna delle “notti” per essere ospitato gratuitamente a casa di un altro host.

Allora cosa si paga?

L’unica spesa da sostenere ammonta a 9,90€ per ogni prenotazione (ed è inclusa un’assicurazione fino a un massimo di 450.000€ per danni all’appartamento). Ma se vuoi puoi anche comprare le “notti”, nel caso in cui il tuo “credito notti” non sia sufficiente e non ti consenta di pernottare dove vorresti.

In quanti hanno aderito?

Al momento gli alloggi registrati sulla piattaforma sono già 10.000 per circa 180.000 membri. E l’Italia è il secondo paese col maggior numero di utenti registrati, dopo la Francia.

Possono registrarsi tutti?

Certo, a condizione che abbiano un alloggio idoneo a ospitare persone. Ci si può registrare anche se si ha una casa piccola; infatti, le “notti” che si ricevono sono calcolate secondo un algoritmo che tiene conto di parecchie variabili.Per esempio una notte a New York sarà “ripagata” con un numero di notti ben diverso da una notte a Livorno!Il sistema prevede che ad ogni sistemazione venga assegnato un numero da 1 a 7 sulla base di attrazioni turistiche della città e comfort di cui è dotata la camera.

Ci sono garanzie?

Nightswapping, società che ha sede a Lione e che nata nel 2012 da un’idea di Serge Duriavig (ex direttore associato di SmartBox), per ogni membro della community, chiede numero di telefono, email e documento di identità. Per gli appartamenti, invece, è prevista una descrizione dettagliata e numerose foto. In più una grande importanza è data ai feedback lasciati dagli utenti e ogni nuovo utente alla sua prima esperienza è invitato a usufruire di una notte gratuita.

Quali sistemazioni sono previste?

Sul sito si legge che vi sono 3 metodi di fruizione del servizio: si può essere ospitati in un appartamento in cui è contemporaneamente presente il proprietario; si può essere ospitati in un appartamento in cui si è soli e il proprietario è assente; si può essere ospitati a casa di qualcuno e poi ospitare a casa propria proprio chi ci ha ospitati.

Cos’è il turismo di prossimità?

Visto il grande interesse suscitato da questo modo alternativo di viaggiare, da quest’anno è stato creato un motore di ricerca invertito: bastaindicare la città di partenza e il numero di chilometri che si è disposti a percorrere. In questo modo apparirà una lista di possibili destinazioni più o meno vicine al luogo di partenza.Il turismo di prossimità è, quindi, davvero molto comodo soprattutto se non si hanno le idee chiare ma si vuole massimizzare la resa del viaggio con i mezzi a disposizione.

Ti è piaciuto I’articolo?

Non perderti più nulla da My English School. Tutte le ultime news - consigli - promozioni esclusive per te.

RIMANI AGGIORNATO CON LA NOSTRA NEWSLETTER